Database dei fondi musicali toscani

TORNA ALLA RICERCANUOVA RICERCA

Fondo della Filarmonica comunale di Fiesole

Conservatore
Archivio comunale di FiesoleArchivio comunale di Fiesole

Codice ICCU: IT-FI0586
Indirizzo: Via Portigiani, 24
CAP: 50014
Comune: Fiesole
Provincia: FI
Regione: TOSCANA
Telefono: 0555961306
http://www.comune.fiesole.fi.it/opencms/opencms/cultura/archivio/
archivio.storico@comune.fiesole.fi.it


Produttore
Società filarmonica comunale di Fiesole Società filarmonica comunale di Fiesole
Estremi cronologici: 1829, 29 maggio-
Cenni biografici: La Società filarmonica vomunale di Fiesole è la più antica del territorio ed anche l’unica che continua tuttora la sua attività. Per tradizione, si fa risalire la sua nascita al 29 maggio 1829, ma i primi documenti ufficiali di cui disponiamo risalgono al 1833.Nel corso dell’Ottocento la Filarmonica non ha una sede propria ma è costretta a peregrinare da una sistemazione all’altra.All’inizio del Novecento, grazie alla donazione di un terreno da parte del comune, venne costruita la sede di piazza del Mercato, che fu inaugurata il 14 dicembre 1913. Descrivere la vita sociale della Filarmonica con i documenti a disposizione appare difficile poiché mancano quasi del tutto i verbali delle riunioni.È stato impossibile anche ricostruire la sequenza completa dei direttori e dei presidenti della banda.Fra i musicisti più noti che hanno diretto la banda di Fiesole si segnala però Gioacchino Bimboni (1810 – 1895),concertista di fama europea e noto inventori di metodi per lo studio degli ottoni.Dalla sua costituzione la Banda si dedica allo studio e all’esecuzione di musica bandistica e svolge tuttora con continua attività concertistica durante le manifestazioni cittadine, civili e religiose.
Note e bibliografia: Filarmoniche di Fiesole e di Caldine: musiche e carte d'archivio / Maura Borgioli, Stefania Gitto. Firenze: Polistampa, 2013


Anno di acquisizione
2005

Metodo di acquisizione
Dono

Storia del fondo
Il fondo musicale della Filarmonica di Fiesole è stato donato all’Archivio comunale nel 2005 e comprende le musiche prodotte e raccolte dalla Società filarmonica fino al 1999.


Ambito disciplinare
Musica

Alimentazione del fondo
Chiuso

Accessibilità del fondo
Consultabile tramite appuntamento

Tipologia
Il fondo musicale della Filarmonica di Fiesole conta 332 musiche prodotte nell’arco cronologico di circa un secolo a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Il materiale più antico del fondo risale alla seconda metà dell’Ottocento e può essere identificato con una serie di raccolte di musiche manoscritte contenti diversi brani per un solo strumento o appartenenti allo stesso genere musicale. Vi sono registri di musiche per singoli strumenti e registri di partiture destinati al capobanda o direttore, contenti valzer, concerti, marce, ed estratti d’opera. I registri dei Valzer e dei Concerti contengono composizioni per banda e strumenti solisti, dove sono presenti lavori di Ulisse Faleni e Emil Wandtenfel. Nel registro intitolato Concerti vi sono trascrizioni di estratti d’opera e fantasie sui principali temi operistici, tra cui opere di Giuseppe Verdi, Gaetano Donizetti, Amilcare Ponchielli, Romualdo Marenco, Carlo Gallo e Giacomo Meyerbeer. Oltre a questi due registri, si conserva una raccolta di partiture di sole Marce funebri, tra cui marce di Ulisse Faleni, Pietro Nencioni e Gioacchino Rossini. La penultima sezione comprende la musica manoscritta a stampa dal 1860 al 1950, mentre l’ultima sezione è dedicata alla musica moderna (1950 -1990). Insieme all’archivio sono stati dati, in deposito temporaneo, 26 antichi strumenti musicali, non più in uso, attualmente esposti nella sala di consultazione dell’Archivio Comunale.

Genere
Bandistica

Consistenza materiale principale
Manoscritti musicali
Musica a stampa moderna (post 1830)

Consistenza materiale secondaria
Strumenti musicali

Datazione del materiale
1801-1900
1901-2000

Caratteristiche fisiche
Tutti i registri presentano caratteristiche fisiche omogenee: sono rilegati in cartone e rivestiti in carta marmorizzata, hanno un’etichetta centrale manoscritta e, a parte qualche rara eccezione, sono in formato verticale di circa 30 centimetri.

Identificazione
Sulla maggior parte delle musiche compare il timbro a olio o a inchiostro della Filarmonica.


Stato di conservazione
Buono

Eventi di valorizzazione
Il 22 ottobre 2005, in occasione della donazione del fondo della Filarmonica all’archivio comunale, la Banda ha tenuto un concerto nel giardino della Palazzina Mangani, sede dell’archivio e nella saletta di consultazione è stata allestita una piccola mostra di spartiti musicali e fotografie d’epoca.

Bibliografia
Filarmoniche di Fiesole e di Caldine. Musiche e Carte d’archivio / Maura Borgioli, Stefania Gitto. Firenze: Polistampa, 2013

Data ultima modifica
06.04.2018



Torna su

data management by SistemaLab