Database dei fondi musicali toscani

TORNA ALLA RICERCANUOVA RICERCA

Donazione ditta Casi e Martini

Conservatore
Archivio storico e di deposito del Comune di ArezzoArchivio storico e di deposito del Comune di Arezzo

Produttore
Ditta Casi e Martini Ditta Casi e Martini
Estremi cronologici: Sec. XIX
Cenni biografici: Stabilimento musicale di Arezzo, ora non più in attività.


Anno di acquisizione
1996

Metodo di acquisizione
Deposito

Storia del fondo
Il corpus di musiche donato dalla ditta Casi e Martini è inserito all’interno del fondo della Società filarmonica aretina alla quale è stato donato il 1° gennaio 1962. Il posseduto documentario e musicale della Filarmonica nel febbraio 1996 fu integralmente depositato presso la nuova sede dell’archivio storico di Arezzo. La donazione della ditta Casi e Martini dunque, pur inglobata in un altro fondo, ha conservato la sua individualità e unitarietà. È possibile consultare la scheda relativa al fondo della Società filarmonica aretina e della donazione della famiglia Sparapani.

Ambito disciplinare
Musica

Alimentazione del fondo
Chiuso

Indicizzazione del fondo
È presente un inventario dattiloscritto relativo all’intero fondo della Società filarmonica aretina; la donazione della ditta Casi Martini (n. 1359-1637) è consultabile da p. 207. L’inventario è disponibile sul sito dell’Archivio di Stato di Arezzo (ultima visita: 3 ott. 2018), in formato pdf (ultima visita: 3 ott. 2018)

Accessibilità del fondo
Consultabile tramite appuntamento

Tipologia
All’interno del fondo della Società filarmonica aretina, la donazione della ditta Casi e Martini, identificata come “spartiti, metodi e studi di musica varia”, manifesta la sua indipendenza proprio per la presenza di generi e tipologie musicali distanti dal mondo bandistico. La donazione consiste in 278 titoli, tutti a stampa del XX secolo.
- Molti sono i metodi, non solo per strumenti a fiato (ad es. Nuovi metodi pratici per strumenti a fiato di G. B. Frosali. - Metodo elementare teorico pratico per lo studio del Tromba Mi b compilato e ordinato da Giuseppe Cappetti) ma anche per archi, pianoforte, canto corale (ad es. Metodo di Canto corale. Op. 103 di Luigi Griffo) e mandolino (ad es. Metodo teorico pratico per mandolino romano o napoletano di G. Branzoli).
- Opere di teoria e trattati come Nozioni musicali di Leopoldo Pieroni; Principi elementari di musica: Parte terza. Esercizi di lettura musicale di Gaetano Trapani o Il Canto gregoriano. Teoria sommaria della sua esecuzione di Edgard Tinel.
- Spartiti di musica semplice, in particolare per pianoforte a due o quattro mani (ad es. Sonatine per Pianoforte: Op. 47 in Re magg. di Carl Reinecke. – Giaduja. Polka di E. Becucci).
- Musiche per strumenti solisti o fantasie su temi d’opera (ad es. A mio padre. Concerto per clarino in Sib sopra vari motivi dell'Opera Ruy Blas di Cesare Chiti. - Fantasia sopra motivi della Sonnambula di Bellini per Clarinetto originalmente composta con accompagnamento di grand'Orchestra di Ernesto Cavallini).
- Canzonette e inni (ad es. Italia gloriosa. Inno patriottico con musica di Achille Corrado direttore del Liceo Musicale e della Banda cittadina di Montevarchi. - Rispetti toscani. Canto e Pianoforte con musica di L. Bombagli).

Genere
Strumentale
Vocale operistica/profana

Consistenza materiale principale
Musica a stampa moderna (post 1830)

Datazione del materiale
1901-2000

Caratteristiche fisiche
Il materiale è conservato in faldoni con fettucce.

Stato di conservazione
Buono

Ambiente di conservazione
Il fondo è conservato in un armadio metallico a scaffali aperti, nei locali dell’archivio storico.

Data ultima modifica
03.10.2018

Fonte compilazione
sopralluogo aprile 2018 Ilaria Palloni e Nicola Bianchi



Torna su

data management by SistemaLab