Database dei fondi musicali censiti

Diorama concertino

Il lavoro del CeDoMus Toscana prende avvio dal progetto Fondi Librari. Censimento delle antiche librerie avviato dalla Regione Toscana nel 2001 con lo scopo di approfondire le conoscenze sull’origine e la formazione dei nuclei librari storici nelle biblioteche toscane, creando un particolare percorso di riscoperta e conoscenza dei fondi musicali – musica manoscritta, a stampa e libri a soggetto musicale – conservati sul territorio regionale.

Il CeDoMus Toscana ha creato, oltre alla mappa georeferenziata, una banca dati on-line in continuo aggiornamento con i risultati dall’attività di censimento sul territorio:

Accedi alla banca dati CeDoMus_Prod 

Schermata 2015-10-28 alle 11.33.20

Info utili alla consultazione:

  • I link presenti nelle schede si attivano evidenziando l’url e aprendolo con tasto destro del mouse.
  • Al momento NON sono visibili gli allegati – presenti solo nella banca dati interna – e per visionarli è necessario contattare il CeDoMus.
  • In caso di time out della connessione è possibile rientrare nel database come Ospite, senza password.
  • Esiste la modalità di scorrimento delle schede per Indici per luogo di conservazione (provincia/comune), soggetto produttore (persona/ente) e ente conservatore. Per passare da una pagina all’altra posizionarsi sull’ultima scheda e proseguire tramite le frecce di scorrimento.

Il censimento avviene attraverso la compilazione della scheda di rilevamento per i fondi musicali o per materiale bibliografico musicale presente all’interno di raccolte più ampie. Non si tratta di uno strumento per la catalogazione delle singole unità ma di una scheda che raccoglie, quando è possibile, informazioni sulla storia, provenienza e tipologia di materiale e dei soggetti produttori.

Alla descrizione del fondo musicale (inteso come musica notata manoscritta e a stampa e materiale librario) è collegata una scheda che raccoglie i principali dati sul soggetto produttore (persona, ente o famiglia) e sull’ente conservatore. Ne mostriamo alcuni esempi, rispettivamente di un archivio di persona con al suo interno una raccolta di manoscritti e musica a stampa (Archivio G. Castagnoli) un archivio di ente musicale (Società corale G. Monaco di Prato), un fondo musicale personale (Fondo A. Silenzi), il fondo di una filarmonica (Fondo Chiti) e la presenza di musica all’interno di una biblioteca storica (Biblioteca Roncioniana.Materiale musicale).

Per supporto alla ricerca o la segnalazione di malfunzionamenti scrivere a cedomus@cedomus.toscana.it