Archivi dell'Autore: Stefania

Bibliotecaria, catalogatrice musicali e studiosa della storia delle collezioni musicali.

Nella splendida Certosa di Calci (Pisa), oggi Museo nazionale, giovedì 26 luglio alle 16.30 sarà presentata MusAR, la nuova app dedicata ai beni artistici e musicali, creata dal Centro di Documentazione Musicale della Toscana (CeDoMus), grazie al sostegno di Regione Toscana, Polo Museale della Toscana e Scuola di Musica di Fiesole. Interverranno alla presentazione la Leggi di più →

Il lavoro wikipediano del CeDoMus continua ininterrotto. Dal nostro ultimo resoconto del settembre 2017, la #wikicedomus (questo il nostro hashtag su Twitter) si è molto arricchita, in particolare di Nuove Sezioni Fonti: il capitoletto sulle tre edizioni del Thoscanello di Pietro Aaron sulle opere di Paolo Aretino Francesco Barsanti Giovanni Pacini (inclusa una discografia ragionata) Giuseppe Poniatowski Leggi di più →

Il CeDoMus Toscana da qualche mese è impegnato nel censimento dei fondi musicali conservati nel territorio aretino: ancora poco studiati, in gran parte sconosciuti, ve li presentiamo qui, con diversi post che usciranno periodicamente. Per visionarli tutti potete utilizzare la mappa georeferenziata, e la relativa lista dove sono elencati per ente conservatore, o cercare ciò Leggi di più →

Si svolgerà il 17 e 18 maggio 2018 a Roma, presso l’Istituto il Workshop ICCU – IAML ITALIA: Norme di catalogazione per le risorse musicali non pubblicate e il  Progetto Università di Salerno / IAML-Italia sulle biblioteche dei Conservatori di musica. A causa della ridotta capienza della sala, il workshop è destinato a un massimo Leggi di più →

Pisa, Piazza dei Miracoli, Salone degli Affreschi, mercoledì 14 marzo ore 16,30 Mercoledì 14 marzo alle ore 16,30 è in programma il quinto appuntamento del ciclo d’incontri Pròtege Virgo Pisas. Cattedrale e città nei novecento anni dalla consacrazione del Duomo, organizzati dall’Opera della Primaziale Pisana e dalla Società Storica Pisana. A causa dei lavori in Leggi di più →

Firenze, 17 febbraio, Conservatorio di Musica Luigi Cherubini – Sala del Buonumore “Pietro Grossi”  Per la rassegna “Vetrina di libri 2018” curata da Anna Menichetti, con interventi musicali di docenti e studenti del Conservatorio “Cherubini”, a cura di Donata Bertoldi.   Mario Castelnuovo Tedesco a cinquant’anni dalla morte ORE 16,30 Angelo Gilardino, Mario Castelnuovo-Tedesco. Un fiorentino a Beverly Leggi di più →

A un anno di distanza dall’esposizione “Note di Carta” tenutasi presso la Biblioteca Villa Forini Lippi di Montecatini Terme, l’Istituto Storico Lucchese (Montecatini – Monsummano) e il Centro di Documentazione Musicale della Toscana tornano a mettere in mostra il Fondo musicale Venturi, percorrendo attraverso i suoi manoscritti unici e edizioni settecentesche la storia del collezionismo Leggi di più →

Bologna, 16 Ottobre 2017, BIBLIOTECA DELL’ARCHIGINNASIO, SALA DELLO STABAT MATER  IN PRIMO PIANO libri spartiti documenti lettere nei musei di scrittori e musicisti GIORNATA DI STUDIO promossa da ICOM – IBC – MAB Emilia Romagna Musei letterari e case di scrittori e musicisti conservano piccoli ma preziosi patrimoni librari e archi- vistici: libri, documenti e spartiti da quegli Leggi di più →

Musica – Memoria – Materia I libri liturgici con notazione musicale: riflessioni per una corretta conoscenza e buone pratiche per la loro gestione Seminario a cura del Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci  Polo Museale della Toscana e del Centro di Documentazione Musicale della Toscana Certosa di Calci, 10 ottobre 2017 L’attività di ricognizione sui fondi Leggi di più →

Il CeDoMus su Wikipedia: aggiornamenti di fine estate di Nicola Bianchi Come già annunciato nella precedente notizia pubblicata in questa stessa sede (http://www.cedomus.toscana.it/fondi-musicali/le-fonti-musicali-toscane-viste-con-gli-occhi-di-un-wikipediano-di-nicola-bianchi-e-ilaria-palloni/), uno degli obiettivi del CeDoMus a partire dall’anno in corso è ampliare la divulgazione delle fonti musicali toscane e dei suoi autori, in particolari i cosidetti “minori”, avvalendosi delle nuove tecnologie e Leggi di più →