Nell’ultimo volume pubblicato di Fonti Musicali Italiane (v. 20 / 2015) si presentano le attività del Centro di Documentazione Musicale della Toscana.

Sommario

Qui l’abstract:

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: prime riflessioni emerse dall’attività di ricognizione. 

Stefania Gitto

Alla fine del 2013 la Regione Toscana ha stipulato una convenzione con la biblioteca della Scuola di Musica di Fiesole Fondazione Onlus per la creazione del Centro di Documentazione Musicale della Toscana, con l’intento di offrire un supporto alle attività di gestione, catalogazione e valorizzazione della musica notata manoscritta e a stampa, di ogni epoca e tradizione, conservata sul territorio regionale. Vengono qui presentate le motivazioni che hanno portato alla nascita del CeDoMus, le finalità di un centro di documentazione dedicato al patrimonio bibliografico musicale e le diverse attività in corso di svolgimento, con particolare attenzione al lavoro di censimento svolto su alcune province toscane, del quale si descrivono sia le metodologie messe in campo per l’attività di ricognizione che l’analisi dei primi risultati.

*****

The Centro di Documentazione Musicale della Toscana: first thoughts on the exploration stage

By late 2013, the Tuscany Region endorsed an agreement with the Scuola di Musica di Fiesole Foundation library, to create the Centro di Documentazione Musicale della Toscana, as a tool to manage, catalog, and enhance all manuscript and printed music from all eras and traditions, found on the Tuscan territory. Reasons are explained that led to the birth of CeDoMus, as well as the scope of this structure devoted to notated musical heritage, and its current activities, especially the census data collected in a few provinces. Research methods are described and the first results are analyzed.

Su Stefania

Bibliotecaria, catalogatrice musicali e studiosa della storia delle collezioni musicali.

Navigazione dell'articolo